fbpx

Sacchetti di plastica letali per i pesci d'acquario

photo0591
Non date più la colpa al vostro negoziante (o al vostro venditore) se i pesci appena comprati muoiono. Uno studio pubblicato dai ricercatori del Laboratorio Ambientale nell’Università del Maine, ha risolto il mistero di tanta moria, in una sostanza chimica presente nei sacchetti di plastica comunemente utilizzati per il trasporto.
Nello studio,infatti,  si è scoperto che alcune sostanze chimiche, residue della produzione di tali materiali, possono contaminare l’acqua del sacchetto in concentrazioni tali da essere mortale per i pesci.
maxresdefault
La causa è il nonilfenolo, un composto utilizzato per facilitare l’apertura dei sacchetti di plastica e che ne riveste le pareti e che pur rispettando le norme di produzione internazionali (che a questo punto andrebbero riviste), mai si sarebbe pensato che, tale composto, potesse raggiungere concentrazioni così elevate in acqua. Si consideri che per l’ente protezione ambientale americano, il nonilfenolo, è considerato pericoloso nelle acque marine già ad una concentrazione di 7 microgrammi/Litro. In alcuni sacchetti sottoposti a prova si è invece raggiunta una concentrazione di 163 microgrammi/litro in meno di 48 ore. Un valore circa 25 volte superiore a quello che è considerato un pericolo per gli organismi marini.
I sacchetti di plastica utilizzati per la prova, in alcuni casi e per alcune specifiche buste (ovviamente!), ha ucciso il 60% di pesci utilizzati nell’esperimento (Pseudochromis fridmani) dopo la sola esposizione, all’interno del sacchetto, di 48 ore. I pesci sopravvissuti alle alte concentrazioni di nonilfenolo, liberati nelle vasche, sono morti dopo un periodo di 8 giorni.
Ecco dunque un’altro motivo per cui i pesci muoiono durante il trasporto non solo quando passano dall’allevatore al negoziante ma anche dal negoziante all’acquariofilo.
Cos’ è il Nonilfenolo?
poster-0
Come molti altri composti fenolici (famoso è anche il bisfenolo), il nonilfenolo non è solo un veleno ad alte concentrazioni ma anche a basse perché interferisce e distrugge il sistema ormonale degli esseri viventi, Imitando gli estrogeni e alcuni altri ormoni, causandone la “femminilizzazione”, con conseguente sterilità degli stessi; ciò comporta importanti implicazioni non solo nell’allevatore che non riesce a riprodurre i propri pesci ma in larga scala interferisce sopratutto sulla conservazione delle specie marine da anni esposte alla microplastica che, presente in mare, libera tali sostanze.
Sarà certamente da tenere in seria considerazione questo studio, non solo per l’industria del commercio dei pesci, ma anche (e soprattutto direi) a livello ambientale e della salute umana poiché non si conoscono ancora bene quali materiali plastici di uso comune possono essere ad oggi contaminati con tali sostanze.
Cosa possiamo fare noi, da buoni acquariofili?
Innanzitutto possiamo informare i nostri negozianti del problema in questione in modo che si assicurino che le buste non siano contaminate. Resta inteso che, non tutte le buste contengono tali sostanze,
L’acquariofilo deve cercare invece, di riutilizzare e lavare bene i sacchetti oppure può munirsi di contenitori ad’oc (es. vasetti in vetro) quando va a comperare nuovi pesci. In questo modo si potrà certamente ridurre lo speco di altri sacchetti (magari anche contaminati!) difendendo in parte l’ambiente.
Lavare bene un sacchetto o un contenitore significa non utilizzare sapone! Un ottimo metodo sarebbe quello di riempire  e sciacquare i sacchetti per uno due giorni con acqua e qualche millilitro di aceto o acqua ossigenata per aumentare il rilascio di tali sostanze e dunque scongiurare la successiva contaminazione. Ricordo, inoltre, che non va MAI! versata l’acqua dei sacchetti in acquario. Un motivo in più per non incorrere in questo errore!
bibliografia: Hamlin HJ, Marciano K, Downs CA (2015)Migration of nonylphenol from food-grade plastic is toxic to the coral reef fish species Pseudochromis fridmani Chemosphere 139: 223-228. http://dx.doi.org/10.1016/j.chemosphere.2015.06.032
 
L’acquariofilo è anche su Facebook, Twitter e Google+.
Condividi l’articolo o iscriviti alle news del Blog attraverso i tuoi social network preferiti oppure registrati alla newsletter del Blog per non perdere le news e gli aggiornamenti sul mondo dell’acquariofilia!

6 pensieri riguardo “Sacchetti di plastica letali per i pesci d'acquario

    • 7 Giugno 2016 in 19:12
      Permalink

      Beh! Sembra che la morte dipenda dalla resistenza e dall’esposizione dei pesci a tali sostanze. Ho letto il lavoro scientifico completo e sembra (anche agli studiosi “sembra”) che possa avvenire dopo poche ore a qualche giorno. Il fatto eclatante è infatti dovuto all’inspiegabile morte anche alcuni giorni dopo senza nessun apparente sintomo di malattia ecc. Tante sostanze contenute nei materiali plastici posso distruggere il sistema endocrino (quello che produce gli ormoni che a loro volta regolano il metabolismo dei pesci) l’effetto è spesso ritardato.

      Rispondi
      • 7 Giugno 2016 in 19:43
        Permalink

        Buono a sapersi comunque, sono informazioni importanti, anche perchè è da quasi 2 settimane che ho preso i pesci e questa cosa mi preoccupava abbastanza.
        Purtroppo si tratta sempre di oggetti creati e quindi un mix di materiali, e non si sa mai che usano per farli, e magari la reazione di 2 materiali differenti a contatto, e appunto da li vengono fuori i problemi, sempre più, e sempre diversi e nuovi.
        Ci vorrebbe anche più informazione a riguardo, così che almeno si sappia.

        Rispondi
        • 8 Giugno 2016 in 17:04
          Permalink

          La notizia ha fatto il giro del mondo in pochi giorni e la scoperta anche se può sembrare banale ha sconcertato, gli scienziati che non avevano immaginato di ricevere un responso così eclatante. Chi mai avrebbe immaginato che mettendo i pesci nella busta e altri no che sarebbero tutti morti da l’idea di qualcosa troppo banale e assurda; in genere dagli esperimenti ci si aspetta una buona percentuale di veridicità della prova non una netta conferma. Chi mai avrebbe poi immaginato la presenza di tali sostanze e a quelle concentrazioni.
          Anche i grandi distributori e gli importatori(l’articolo era principalmente rivolto a loro) hanno dovuto rivedere le loro “solite” procedure di “confezionamento e trasporto” dei pesci per ridurre le perdite.

          Rispondi
          • 8 Giugno 2016 in 17:10
            Permalink

            E speriamo che tutti rispettino queste corrette procedure di “confezionamento” che purtroppo ci sono tante persone a cui non interessa nulla per quanto riguarda il rispetto anche nei confronti degli animali, importante è che la maggior parte sappiano, in modo da evitar problemi futuri.

  • Pingback: Sacchetti di plastica letali per i pesci d’acquario | Visita il nuovo sito digita www.acquariofilo.net

Rispondi a Alessandro Annulla risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: