La bruma dei pesci

Un nuovo video sul canale Youtube del Blog. Channa ornatipinnis coi suoi splendidi colori.

Nonostante le basse temperature il Channa ornatipinnis più giovane non ha ancora deciso di andare in bruma.
La bruma o brumazione è un periodo di tempo, variabile da specie a specie, nel quale una specie rallenta il proprio metabolismo andando incontro ad una sorta di letargo, ciò avviene generalmente con temperature inferiori a 15°C.

Channa ornatipinnis adulto/a in brumazione

 
p_20180117_202748_vhdr_auto382241323.jpg
Questo aspetto vitale è molto importante per i pesci “wild” come i Channa (ma anche per i rettili) perché aiuta loro a mantenere stabile il loro bioritmo naturale. Assisto a questo fenomeno già da due anni per questa specie, il graduale abbassamento delle temperatura a meno di 15°C porta il pesce a rintanarsi in un angolo e a diminuire le sue attività di esplorazione che saranno più lente e meno frequenti. Diminuisce l’appetito; un goloso pezzetto di pollo o di gambero o un pellet di mangime che normalmente viene divorato in un istante, sarà lasciato ondeggiare o posarsi sul fondo per essere mangiano con calma o per essere completamente rifiutato.
Qual’è la differenza tra bruma e letargo?
Spesso ci si confonde tra i due termini: il letargo è uno stato latente in cui alcuni animali (ghiri, orsi, rane, ecc.) cambiano il loro stato vitale per adattarsi ad uno stato climatico avverso (in genere un forte abbassamento della temperatura) e comporta generalmente una condizione dormiente dell’animale, il rallentamento del metabolismo e delle funzioni vitali come il cuore che rallenta fino a pochi battiti al minuto. La brumazione è invece uno stato biologico meno drastico per l’animale, dovuto anch’esso all’abbassamento della temperatura, generalmente mai inferiori ai 5°C e non comporta un cambiamento metabolico radicale ma una reazione all’abbassamento delle temperature. Numerosi studi hanno però dimostrato che nelle specie soggette a tale fenomeno, lo stato ormonale subisce, in questo periodo, una notevole variazione come se gli ormoni (specie quelli sessuali) riposassero. Ciò spiega perché, terminato il periodo di bruma, queste specie diventano d’un tratto molto attive e pronte ad accoppiarsi o il perchè, mancando questa “stagionalità”, non si riesca a far riprodurre una specie. E’ sempre importante rispettare i bioritmi naturali dei pesci per aumentare la loro longevità ed è importante soprattutto conoscere le abitudini biologiche della specie che stiamo allevando.
i miei due Channa vivono attualmente in seminterrato a temperature inferiori a 15°C, per sicurezza ho installato un termoriscaldatore regolato al minimo in modo da evitare bruschi abbassamenti di temperatura. In estate torneranno nella loro vasca ben piantumata e chiusa e sperando in una coppia!

Un pensiero riguardo “La bruma dei pesci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: